E se fosse femmina?

collage3-

Ho sempre pensato che nella vita avrei avuto due figli: un maschio ed una femmina.

Quando aspettavo Alessandro e ancora non sapevamo sarebbe stato un maschietto, tutti ci chiedevano cosa avremmo desiderato e di getto, dopo aver pensato che la cosa più importante era che fosse sano, pensavamo ad una femminuccia.
Ma mai fui più felice di scoprire che sarebbe stato un maschietto: quel giorno scattò in me qualcosa che non saprei spiegarvi! Era come se lo avessi desiderato da sempre. Ed oggi, nonostante sia normale provare un amore folle e indescrivibile per i propri figli, credo che l’unione tra mamma e figlio maschio, in particolare tra me e lui, sia qualcosa di davvero speciale.

Fino a poco tempo fa, a chi mi poneva la solita banale domanda “a quando il prossimo?” o “cosa aspettate a fargli una sorellina?” rispondevo che stavamo bene così. 
Oggi dopo un anno di notti di sonno filate timidamente nella mia mente si affaccia la fortuita idea di dare un fratellino o una sorellina ad Alessandro!
NIENTE DI CERTO, sia chiaro, è solo un timido ed innocente pensiero, come quelli che si fanno guardando un planisfero e ipotizzando un viaggio da sogno.
Ma il bello del fantasticare è proprio questo: volare con la fantasia e immaginare … che sia femmina.
Pensare ai vestitini, al tulle, ai pizzi, a tutti quei fronzoli che un maschietto non ha.
E poi inevitabilmente, pensi alla sua cameretta e…no, rosa non potrei proprio farla essendoci il piccolo Ale a rivendicare la sua mascolinità! E allora? Glissiamo sul giallo! Perché no?! Stelline, stelline e ancora stelline, una vera ossessione ormai!
Mensoline, stampe, giochini, cuscini e decorazioni varie tutto a tema, tutto in tinta.
E sicuramente una cosa che non dovrebbe mai mancare nella cameretta sarebbe la culla. Eh si proprio quella, importantissima nei primi mesi di vita per far dormire in tutta sicurezza un bimbo: la navicella dei passeggini infatti non è adatta per la nanna a casa, passeggiando per strada è inevitabile che raccolga sporco e batteri e il materassino non è adatto per le lunghe dormite (si spera!) dei nostri cuccioli.
 
Picci sa quanto sia importante la sicurezza dei nostri bimbi e per questo ha studiato culle meraviglioss, di ogni stile, colore e materiale, con materassi studiati per far riposare al meglio i bambini che, come sapete, devono stare sdraiati sulla schiena in posizione di sicurezza, in materiale anallergico e della misura giusta per ogni culla.

E voi avete mai pensato a quanto sia importante la culla?

Sognando e immaginando, mi sono divertita a creare questo piccolo collage pensando ad una ipotetica cameretta per Ale e la sorellina. Cuore di questo collage la splendida culla Picci della linea Matisse.

Che ne pensate di questo accostamento classico e moderno? Must del momento insieme ai più consueti merletti e fronzoli che piacciono tanto a noi femminucce?

 
 

 
Picci è un’azienda italiana con più di 40 anni di storia, leader nella produzione per articoli per neonati: biancheria da camera e da bagno, culle, lettini, cassettiere fasciatoio e innumerevoli accessori disegnati per le camerette dei nostril cuccioli e per i loro momenti di gioco.
Picci è presente anche su Instagram, Facebook e Twitter, non perdetevi i loro profile per rimanere sempre aggiornati e scoprire i loro meravigliosi prodotti.
 
CULLA e LAMPADARIO: Picci linea Matisse
 
 
 
Quadro con limone:  Coccole Gift by @lara_coccola
Mensoline a casetta: Lista-nascita.it
Poltrona e cuscino: Maison du Monde
Sacco a stella: Lista-nascita.it
Cuscino “G”: Minimetry.pl
Ananas lampada led: Coccole Gift by @lara_coccola
Contenitore per giochi con rinoceronte: 3sprouts
Article Tags : , ,
Francesca Fossali
Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × 4 =