Il momento dell’attesa: aspettando Asia

img_3485

Il momento dell’attesa è sempre un momento speciale, fatto di gioie ma anche di ansie e paure. I primi mesi, in particolare, sono quelli del segreto, della confusione mista alla felicità, della paura mista all’eccitazione. Poi finalmente arriva il momento dell’annuncio: lo si grida al mondo nel modo più semplice o plateale possibile, ma finalmente ci si sente libere di condividere questa immensa gioia con tutti. E poi finalmente quello che era sono un invisibile miracolo inizia a prendere forma, la pancia inizia a cresce ed iniziano a sentirsi i primi calcetti, i primi movimenti. Questa meravigliosa nuova vita prende forma, diventa sempre più reale, più concreta, fino a che, quel giorno scritto nelle stele, diventerà il giorno in cui i nostri occhi incroceranno i suoi e allora sarà una nuova nascita per entrambi, mamma e figlio.

img_3515

Un bambino è sempre un dono meraviglioso. C’è chi lo desidera e lo riceve subito e c’è chi invece attende, spera, lotta con le unghie e con i denti cercando di girare lo sguardo di madre natura a se. Per fortuna ad oggi la scienza ha fatto passi da gigante, e come ci permette di gestire la venuta di un bimbo, allo stesso modo ci aiuta ad averlo quando i desideri faticano a prendere forma.

img_3507

Sono di natura ottimista e quindi sono sempre convinta che in un modo o nell’altro la felicità arriverà, che sia di pancia o di cuore, diventare madri é una cosa meravigliosa. Che sia di uno o di più bimbi l’amore non si divide, ma si moltiplica.

img_3392

Oggi, dopo tanto tempo (chissà poi perché?!), riprendo in mano i miei scatti e vi mostro la dolcissima attesa di Rita e della sua secondogenita Asia. Avevo già avuto modo di scattare qualche foto ricordo a Rita in occasione della sua prima gravidanza, poi ad Aurora, la sua bimba, ed ora per la seconda volta sono onorata che abbia scelto ancora me per fermare il tempo di questi momenti unici prima dell’arrivo di Asia.

img_3479

img_3490

img_3531
buzzoole code

Francesca Fossali
Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × 3 =