Posts in Category

LIFESTYLE

Storie di bullismo e di anime fragili, quante se ne sentono. Purtroppo riempiono i giornali quando si trasformano in tragedie, ma spesso rimangono nascoste, come la polvere sotto il tappeto, e modellano le anime di cicatrici che non si cancelleranno mai.

Ci si augura sempre che la propria mamma rimanga al nostro fianco per sempre. In alcuni momenti della vita non si pensa a quanto in realtà la sua figura sia importante eppure…proprio quando mettiamo al mondo un figlio, proprio quando siamo noi figlie a diventare madri, è proprio in quel momento che realizziamo quanto davvero sia fondamentale, quanto davvero non si smette mai di essere figlie e quanto davvero saremo sempre importanti e fondamentali per il nostro di figlio.

Amo la primavera perché mi sento rinascere: il sole, i fiori che sbocciano, le giornate che si allungano, i primi caldi avvolgenti con quell’aria frizzantina che accarezza la pelle. Come una piccola tartaruga dopo il letargo esco lentamente dalla mia tana e mi stiracchio al sole annusando il profumo della nuova bella stagione, pronta per per nuove avventure. Sento quella dolce leggerezza, mi sento piena di energie, di voglia fare, costruire, progettare. Penso alle vacanze, al mare, al futuro, ai nuovi progetti.

Siediti, fermati e respira. Hai mai provato ad ascoltare il tuo corpo? Dentro di te scorre pura energia, non ce ne accorgiamo, ma è come l’elettricità: invisibile agli occhi, eppure c’è! Questa energia a volte è annacquata da un fiume di malesseri, altre volte è ferma, trattenuta dalla densità della vita quotidiana. Rimetterla in circolo ci fa ritrovare l’equilibrio.

Lei, la mia mamma, penso che la mia vita non sarebbe stata la stessa senza di lei! Lei, il mio uguale e il mio esatto opposto, lei testarda ed io più di lei, lei forte, ma allo stesso tempo affettuosa e dal cuore grande. Lei che ha dedicato la sua intera vita a noi figlie, credo che se ogni giorno al mio rientro da scuola non ci fosse stata lei, la mia vita non sarebbe la stessa.

Pronti, partenza, via: si parte per la gita di fine anno! È arrivato il momento di ritrovarci tutti per vivere l’ultimo momento felice con i compagni che per questi due anni hanno vissuto questa prima piccola grande avventura insieme ad Alessandro: lo spazio gioco che io chiamo semplicemente Casetta Gialla perché quello è il luogo dove lui trascorre il tempo coi suoi amichetti.

Prima di essere mamma sono stata (e lo sono tutt’ora) figlia, e la Festa della Mamma è sempre stata l’occasione per regalare a mia mamma e a mia zia (che per me e mia sorella è sempre stata un po’ come la nostra seconda mamma) qualcosa di speciale, che fosse un oggetto o un’esperienza, comunque doveva essere qualcosa che avesse un significato.

1 2 3 6 Page 1 of 6